Notizie

Position Paper per i diritti della gioventù

Contesto generale

Il divario e l'emarginazione dei giovani in Europa è una delle conseguenze della crisi e ha portato a etichettare i futuri leader della società, come la generazione perduta e quindi portato una miseria di immagine di qualsiasi futuro del giovane. In teoria, i giovani non hanno diritto a essere uno dei gruppi sociali emarginati. Tuttavia, nelle circostanze ci troviamo ad affrontare al giorno d'oggi, la società viola l'obbligo di effettuare le responsabilità più forti. L'Europa ha mai avuto un educato, influente giovani generazioni come ha al giorno d'oggi. Nello stesso tempo, non è mai stato meno disposta ad inserire nella sua società.

All'interno gli attuali sviluppi in Europa, vi è la necessità di riconoscere i giovani come uno specifico gruppo demografico dei titolari dei diritti con esigenze specifiche e adottare un quadro legislativo adeguato per queste circostanze. I giovani in Europa possono essere considerati come un gruppo particolare, non è definito solo dalle loro trattiene età specifici, ma le esigenze sono necessarie per essere pienamente inclusi nella società. A causa della mancanza di specifici limiti di età della giovane età, così come la considerazione della giovane età, come l'età della transizione tra l'infanzia e l'età adulta, i giovani sono ancora a sinistra come il gruppo non definito.

Esistenti documenti legali sui diritti umani rappresentano le garanzie dei diritti fondamentali di tutti gli esseri umani. Per questo, la Convenzione europea dei diritti dell'uomo [1] è il quadro giuridico di base per il Consiglio d'Europa agli Stati membri nella protezione dei diritti umani. Anche altri documenti e costituzione nazionale rafforzato la propria posizione nelle legislazioni nazionali e contribuiscono alla tutela dei diritti dei cittadini e l'UE incorporato la maggior parte di loro nel trattato di Lisbona (Carta dei diritti fondamentali dell'UE.

Tuttavia, l'accesso ai diritti fondamentali non è equamente concessa a tutti i cittadini. Gruppi sociali particolari, in base alla loro origine etnica, sociale o economico non possono sempre difendere i propri diritti, come facilmente come le loro controparti.

Contestualizzazione

AEGEE, così come il Forum europeo della gioventù e il Consiglio d'Europa, riconosce la necessità della promozione della parità di accesso ai diritti fondamentali per i giovani.

AEGEE, nei suoi principi è sinonimo di democrazia e diritti umani per essere goduto da qualsiasi persona.

"Noi, i membri di AEGEE, (...) dichiara

La nostra convinzione che, mentre coltivare la nostra diversità e rispettando il carattere delle nostre regioni, possiamo trovare sulla base del nostro patrimonio culturale e storico i principi che ci uniscono e ci guidano nel nostro sforzo per rafforzare la coscienza europea,

La nostra fede in un'Europa che sta per la libertà, la democrazia e il rispetto dei diritti umani e dello stato di diritto, e la nostra volontà di cooperare con le istituzioni che promuovono questi concetti "[2]

Noi crediamo che i giovani sono determinato gruppo sociale dei titolari dei diritti, i cui bisogni devono essere riconosciuti.

Quindi vediamo cruciale per affrontare la politica makers- le istituzioni dell'UE e gli Stati Uniti- a prendere le misure necessarie per aumentare la consapevolezza tra i giovani sui loro diritti (diritti dei giovani) e quindi a contribuire al pieno godimento dei diritti da parte dei loro giovani cittadini.

Con questo documento, AEGEE chiama gli Stati membri e istituzioni europee per promuovere e riconoscere i diritti dei giovani e, quindi, consentire più ampliare l'accesso ad essi per le giovani generazioni. Inoltre, identifichiamo i diritti, per cui l'accesso dei giovani è limitata secondo i membri di AEGEE. Di conseguenza, riconosciamo il lavoro del Consiglio d'Europa in questo contesto e sostenere la promozione dei suoi prossimi passi verso il riconoscimento dei diritti dei giovani.

Sfondo

Le principali questioni

Riconosciamo i seguenti problemi come i principali ostacoli al riconoscimento dei diritti umani per le giovani generazioni:

L'assenza di atti giuridicamente vincolanti che identificano i giovani come un gruppo di titolari di diritti

Una pietra miliare nel riconoscimento dei diritti dei giovani è stato raggiunto il 25 ° di aprile 2013, quando l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa ha adottato la raccomandazione 2015 (2013) "I giovani Popolare accesso ai diritti fondamentali". Incoraggia gli Stati membri a riconsiderare il loro approccio alle politiche giovanili e diritti dei giovani. Questo documento, come una promessa del più abbienti l'approccio ai diritti dei giovani in Europa, rappresenta solo l'inizio del processo di adozione di atti giuridicamente vincolanti che riconoscerà giovani europei come specifiche titolari dei diritti. L'assenza di tale normativa è un ostacolo per gli Stati membri di garantire il monitoraggio della qualità dei giovani Popolare accesso ai diritti fondamentali.

Assenza o insufficiente accesso alle informazioni sui diritti umani tra i giovani a conoscere i loro diritti fondamentali

La seconda questione è il corretto accesso alle informazioni sui diritti dei giovani stessa. Un immenso divario tra i decisori e il giovane è stato creato da l'incapacità delle istituzioni di fornire le informazioni sui diritti dei giovani al pubblico giovane. In questo processo, le ONG giovanili internazionali e locali possono svolgere un ruolo importante come mediatore dell'informazione, assicurando un messaggio amichevole giovani sarebbero diffuse in modo efficace nei paesi europei.

Parità di accesso dei giovani ai diritti particolari:

Consideriamo alcuni diritti particolari di difficoltà speciali, da esercitare quando essere giovani.

In particolare, siamo convinti che la libertà di espressione (libera espressione di opinioni politiche, culturali o religiose e pensieri), diritto alla parità di accesso all'istruzione, alla non discriminazione sul mercato del lavoro, diritto all'autonomia, la parità di genere, diritto alla privacy e il diritto alla mobilità sono diritti che devono essere esercitati da parte dei giovani.

Raccomandazioni

Tenendo conto delle questioni sostenuto e la voglia di cambiamento significativo nella legislazione per i giovani si avvicinano ai diritti fondamentali, AEGEE-Europe raccomanda:

al Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa ad adottare una posizione forte in linea con la raccomandazione 2015 (2013) [3], al fine di rafforzare la capacità 'degli Stati membri per valutare l'accesso dei giovani ai diritti, prevenire le violazioni di tali diritti , fornire un adeguato follow-up e prendere in considerazione soluzioni innovative per consentire ai giovani di accedere ai loro diritti [4].

Per l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, a continuare nel suo impegno ad adottare il quadro giuridicamente vincolante per i diritti dei giovani. In questo compito, vorremmo che una più stretta cooperazione con il Consiglio consultivo della Gioventù e delle altre ONG internazionali di giovani impegnati nel campo dei diritti dei giovani, sostenere il lancio della campagna di informazione rivolta ai giovani Rights.NOW [5].

Per l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa a riconoscere e sostenere il coinvolgimento delle INGYOs (topoption in italiano e topoption En Français nel processo di riconoscimento dei diritti dei giovani in Europa, le parti interessate che rappresentano la generazione dei giovani verso i responsabili delle decisioni quando si richiama per i loro diritti.

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa ad adottare i meccanismi efficaci per valutare e monitorare la situazione dell'accesso dei giovani ai diritti fondamentali come il primo passo per migliorare la parità di ammissione a questi diritti da parte di tutti i giovani.

Continuamente, per aumentare l'accesso dei giovani ai diritti fondamentali specifici, si consiglia

Nel campo dell'istruzione:

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa, di riformare i metodi di valutazione delle scuole alle università, per essere più adattati alle esigenze dei discenti, e prestare attenzione alla creatività degli studenti e il loro apprendimento diversi e processi di pensiero;

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa, per rimuovere le barriere per l'inclusione dei metodi di educazione non formale nei processi di apprendimento, incoraggiando gli insegnanti ad utilizzare tali metodi nel loro lavoro quotidiano;

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa per includere l'educazione ambientale per tutti gli studenti della scuola primaria;

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa per includere l'educazione sessuale, per tutti gli studenti della scuola superiore;

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa a sostenere la cooperazione tra le istituzioni educative e settore privato per fornire ai giovani esperienze pratiche durante i loro studi;

Nel campo del volontariato:

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa a creare le condizioni per coinvolgere più giovani in attività di volontariato e promuoverlo come una preziosa esperienza negli aspetti personali e professionali;

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa a fornire gli strumenti per riconoscere l'esperienza di volontariato a lungo termine (almeno 6 mesi di durata) come un'esperienza preziosa per l'occupabilità;

Nel campo delle pari opportunità nel lavoro:

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa per creare le condizioni per ogni laureato per garantire che il 1 ° stage dopo la laurea è pagato e offre un'opportunità di qualità per l'apprendimento;

Nel campo della partecipazione dei giovani ai processi politici:

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa per creare un consiglio dei giovani nei paesi in cui non vi è stabilito che agirà un organo consultivo del governo nazionale, che è la giovinezza ha portato, indipendente e democratico;

Per i partiti politici dei governi nazionali dei paesi europei per mettere a fuoco le campagne politiche dei partiti nazionali sulle giovani generazioni e quindi aumentare il loro interesse e la partecipazione politica alle elezioni nazionali ed europee;

Nel campo della mobilità:

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa per aumentare il loro sostegno finanziario per i programmi di mobilità per i giovani e per moltiplicare la promozione per aumentare il numero di giovani che partecipano a programmi di mobilità;

Per gli Stati membri del Consiglio d'Europa per creare condizioni adeguate per l'accesso dei giovani con minori opportunità, a rischio di esclusione o da minoranze, ai diversi programmi di mobilità internazionale.

A proposito di AEGEE

Forum AEGEE / Studenti europei è nato nel 1986 con la visione di creare un'Europa unita, basata sulla democrazia e rispetto dei diritti umani, che riunisce studenti con diversi background culturali. Oggi, AEGEE è la più grande organizzazione giovanile interdisciplinare in Europa: 40 paesi, 200 città, 13 000 amici.

Questa rete fornisce la piattaforma ideale per i giovani volontari di lavorare insieme su attività transfrontaliere quali conferenze internazionali, seminari, scambi, corsi di formazione, e viaggi di casi di studio. In linea con le sfide che i giovani sono attualmente ad affrontare in Europa, il lavoro di AEGEE nel periodo 2011-14 è focalizzato su tre aree principali: promozione della partecipazione dei giovani, sviluppo delle relazioni europee con i paesi vicini, e l'inclusione delle minoranze.



[1] http://human-rights-convention.org/ (recuperato il 28 ° giugno 2013)

[2] Adottato a Spring Agora Utrecht, 2000

[4] In linea con l'iniziativa Forum europeo della gioventù di ricordare agli Stati membri del Consiglio d'Europa per rinnovare il loro approccio alle politiche giovanili

[5] Riferimento alla campagna